Hai bisogno di trasportare la tua moto e non sai come fare? Scopri tutti i metodi disponibili

Per trasportare una moto da un luogo ad un altro oggi è possibile utilizzare un rimorchio o un carrello, furgoni o una nave.

Trasporto motocicli in treno

Fino al 2010 un mezzo molto pratico per effettuare il trasporto della moto era il treno. Si trattava di un servizio economico e comodo gestito da Trenitalia.

L’ente, per problemi di costi e per la scarsa convenienza, lo ha soppresso e da alcuni anni non è più disponibile. Si può utilizzare il treno per trasportare la moto soltanto sulle tratte coperte dalla società ferroviaria svizzera SBB CFF FFS e dalla compagnia austriaca ÖBB-Personenverkehr AG.

Trasportare una moto con rimorchio o carrello

Se si sceglie di arrangiarsi il mezzo più idoneo per portare la moto al seguito è il carrello portamoto o un rimorchio. Entrambi si possono agganciare alla vettura con apposito gancio omologato per il traino. Questo rappresenta un sistema abbastanza conveniente e non dispendioso, a patto che si possegga già il carrello. In alternativa si può farsi prestare il mezzo da un amico oppure noleggiarlo.

La moto va fissata sul carrello in posizione verticale, con la forcella piuttosto compressa e le cinghie anteriore e posteriore che abbiano la stessa tensione. Più è grande l’angolo di apertura tra le coppie di cinturini laterali, migliore è la stabilità della moto.

Il rimorchio deve avere un’assicurazione sul rischio statico e la vettura trainante deve rispettare precisi limiti di velocità. In autostrada sono fissati a 80 km/h, sulle strade extraurbane principali e secondarie a 70 km/h e sulle altre strade e nei centri urbani a 50 km all’ora. Chi guida per la prima volta un’auto con carrello o rimorchio leggero al seguito, deve considerare la lunghezza dei mezzi e magari esercitarsi prima in grandi spazi.

Trasportare una moto con un furgone

Anche il furgone è un valido sistema per il trasporto della moto, soprattutto se si tratta di un mezzo di piccole dimensioni come può essere uno scooter. Si deve utilizzare una rampa piuttosto resistente per caricarla e fissarla bene in modo che non cada durante il tragitto.

Per il fissaggio a bordo occorrono delle cinghie molto robuste, che possono essere con cricchetto o senza, da legare agli anelli predisposti all’interno del furgone. Per rendere più semplici le operazioni di carico sono disponibili in commercio degli specifici cavalletti.

Trasportare una moto con corriere

Le prime due opzioni descritte sono sicuramente le più convenienti sotto il profilo economico e rappresentano un perfetto metodo fai da te. Per chi volesse affidare il trasporto a terzi il metodo migliore per il trasporto della moto è ricorrere a dei corrieri.

Tra le società con corrieri tradizionali in Italia il trasporto delle due ruote si può fare con TNT, che effettua il servizio per moto e scooter. Lo spostamento del mezzo da un posto all’altro di sola andata sul territorio nazionale, isole comprese, costa intorno ai 250 euro.

Il pagamento è anticipato e si effettua all’atto della prenotazione del servizio. La moto viene caricata e scaricata soltanto presso le filiali TNT e non in luoghi diversi su richiesta.

Trasportare una moto con ditte specializzate

Esistono anche aziende specializzate nel trasporto di veicoli che offrono costi contenuti e talvolta effettuano anche la consegna a domicilio. Ci sono siti internet dove si possono verificare i preventivi di più di mille ditte di trasporti.

Trasportare una moto con la nave

La nave è un’ulteriore possibilità per traghettare la moto da una località all’altra. Si tratta di una scelta più onerosa ma da non trascurare, specie se la destinazione non è molto vicina.

Il passaggio con la moto in nave viene effettuato ogni anno da migliaia di motociclisti che vanno in vacanza sulle due ruote. Non tutti sanno però che la moto può essere imbarcata su una nave anche senza il guidatore.

Diverse compagnie marittime mettono a disposizione il servizio cargo, come Grandi Navi Veloci. La società copre sia tratte nazionali come Genova – Palermo, Napoli – Palermo o Genova – Porto Torres, sia rotte verso altri porti del Mediterraneo.